Vuoi iscriverti al Blog?

Sottoscrivi
Come aiutare un gatto nervoso? La storia di Tim, un tempo iperattivo e oggi sereno

Come aiutare un gatto nervoso? La storia di Tim, un tempo iperattivo e oggi sereno

Alcuni gatti sono calmi e rilassati per natura. Altri, invece, hanno la tendenza a diventare molto nervosi e ansiosi. In questo articolo ci occuperemo di questi ultimi.

Per calmare il tuo gatto, puoi provare a fare un paio di cose:

  1. Creare con lui un rapporto prevedibile.
  2. Insegnargli a intrattenersi da solo, senza la tua assistenza.

Per chiarire questi punti, ti presento Tim.

Ti presento Tim, il gatto nervoso

Ho conosciuto Tim un paio di anni fa, quando la sua famiglia era in cerca di un supporto per gestire il suo comportamento nervoso e indisciplinato.

Tim amava giocare e fare tante cose; non importava che fosse giorno o notte, o che la sua famiglia fosse impegnata, lui voleva sempre e solo giocare. Ma odiava farlo da solo, per cui di notte i suoi comportamenti risultavano alquanto indesiderati. Saltava addosso ai suoi cari mentre dormivano, graffiava le porte se erano chiuse e tentava di uscire quando qualcuno apriva la porta di casa.

Durante la prima ora in cui sono stata con Tim per cercare di capire cosa potessi fare per lui, ha continuato a portarmi cose, a miagolare, a entrare nella mia borsa, a rubare le mie penne, a pedinarci mentre ci muovevamo per casa e non si è fermato un attimo. C'erano giocattoli di ogni tipo e accessori speciali per gatti ovunque: non potevo dire che gli mancasse qualcosa. Eppure, era chiaro che Tim fosse molto ansioso.

Insieme a Clara, la sua mamma umana, abbiamo sviluppato un programma che prevedeva quanto segue:

Come aiutare un gatto nervoso, consigli

1. Testare diversi giocattoli

Abbiamo provato diversi tipi di giocattoli per capire quali fossero i preferiti di Tim. In casa ce n'erano molti, ma lui non vi prestava quasi attenzione. Abbiamo provato:

  1. Palline di alluminio
  2. Palline di carta
  3. Distributori di cibo
  4. Topi
  5. Topi meccanici
  6. Giocattoli appesi ai pomelli delle porte e alle pareti.

Ho scoperto che gli piacevano molto quelli che avevamo appeso, soprattutto quelli retrattili, così ne abbiamo appesi alcuni per alleviare il suo nervosismo.Come calmare un gatto nervoso

2. Arricchire il momento della pappa

Oltre alla sua solita ciotola di cibo, abbiamo iniziato a nascondere gradualmente in giro per la casa delle minuscole porzioni di cibo (sia crocchette che cibo in scatola) per far sì che si mettesse a cercarle. Una volta presa questa abitudine, abbiamo tolto la ciotola del cibo e l'alimentazione è diventata un'attività quotidiana per lui, soprattutto quando rimaneva da solo.

 

3. I segnali per il momento del gioco

Abbiamo aggiunto un segnale per dare il via al momento di gioco con Clara. Abbiamo cioè introdotto delle regole per far capire a Tim quando poteva giocare con lei e quando no.

Il segnale consisteva nel fatto che Clara posizionava una sedia davanti al televisore (un segnale deve essere sempre unico, deve accadere solo nel momento in cui si vuole distinguere quell'azione particolare dal resto).

Poi, Clara giocava con Tim con una bacchetta di piume che a lui piaceva molto. Verso la fine della sessione di gioco, Clara riduceva l'intensità dei movimenti e permetteva al micio di prendere la piuma più spesso, in modo che potesse calmarsi poco per volta.

Una volta terminato, Clara diceva a Tim che il gioco era finito e rimetteva la sedia al suo posto. Clara trascorreva 2-3 sessioni di gioco con Tim ogni giorno.Calmare un gatto nervoso

4. La richiesta di attenzioni

Abbiamo insegnato a Tim a chiedere attenzione in modo educato e ad accettare che a volte non potesse riceverne.

Spesso, i gatti molto attivi cercano più attenzioni non tanto perché ne abbiano bisogno, ma piuttosto perché non riescono a tollerare la frustrazione di non riceverne, e quindi ricorrono a comportamenti nervosi o concitati.

Nel caso di Tim, iniziava a miagolare ogni volta che voleva giocare con Clara, che giocava un po' se aveva tempo. Tuttavia, se lei era occupata e lo ignorava, lui chiedeva di giocare in modo meno educato, di solito mordendole le caviglie. Clara si arrabbiava oppure si dispiaceva e giocava un po'. Ma questo a Tim non bastava, e continuava a chiedere di giocare sempre di più.

Spesso Clara si sentiva frustrata e se ne andava, oppure chiudeva Tim in una stanza per essere libera di finire i lavori di casa. Ma Tim miagolava così forte che lei si preoccupava di disturbare i vicini, così tornava a rimproverarlo o a volte gli dava degli oggetti per distrarlo. La situazione era così diventata insostenibile, con Clara che non riusciva a finire il suo lavoro e Tim che non riusciva a calmarsi.

La soluzione è stata stabilire delle regole:

  • Se Tim chiedeva attenzione con un dolce miagolio e Clara era in grado e aveva voglia di concedergliela, giocava o lo accarezzava per un po', gli dava qualcosa per distrarlo o semplicemente gli parlava.
  • Se Tim chiedeva attenzione con un miagolio sommesso, ma Clara non era in grado di corrispondere o non se la sentiva, pronunciava la frase "non ora Tim" in abbinamento a un segnale visivo, come incrociare il braccio. Ogni volta che Clara faceva questo gesto, voleva dire che per un po' non era disponibile (minimo 5 minuti), qualunque cosa facesse Tim.

Con il passare dei giorni, Tim ha capito la regola. È stato difficile, perché non era abituato a comportarsi in questo modo e, a dire il vero, è stato complicato anche per Clara. Alla fine, entrambi sono riusciti ad abituarsi e hanno iniziato a capirsi molto meglio.

In questo modo, Tim poteva chiedere e Clara poteva scegliere se dargli o meno attenzione. Se in quel momento non era in grado di dargliela, non se ne preoccupava, sapendo che durante le loro sessioni di gioco quotidiane Tim riceveva tutte le attenzioni di cui aveva tanto bisogno.Consigli per il gatto iperattivo

Premiare i comportamenti calmi

Tim veniva premiato ogni volta che mostrava un atteggiamento sereno. Abbiamo selezionato e iniziato a lodare i suoi comportamenti più calmi, in modo che imparasse che, se voleva attenzione, era molto meglio mostrarsi tranquillo piuttosto che eccessivamente eccitabile o nervoso. E a poco a poco ha capito.

Dopo un paio di settimane Clara e Tim erano molto più felici, riuscivano a capirsi ed erano consapevoli di cosa avesse bisogno l'altro.

Come gestire un gatto nervoso

Condividere su:

Articoli correlati

Come supportare il gatto dopo una visita dal Veterinario

Come supportare il gatto dopo una visita dal Veterinario

Come ti senti quando devi fare una visita dal medico o dal dentista? Le...
Scopri di Più
I gatti non amano i rumori forti! Il punto di vista di un gattino

I gatti non amano i rumori forti! Il punto di vista di un gattino

Io e i miei amici felini siamo molto fortunati ad avere un udito eccellente...
Scopri di Più
curiosità sul gatto birmano

34 Curiosità sui gatti Birmani

Queste bellissime creature feline sono conosciute per la loro caratteristica colorazione, personalità gentile e...
Scopri di Più
Problemi con altri gatti nel quartiere: come gestirli

Problemi con altri gatti nel quartiere: come gestirli

La maggior parte delle persone ama vedere gatti che scorrazzano nei dintorni del loro...
Scopri di Più

Iscriviti al Nostro Blog

Le informazioni personali raccolte sono destinate a Ceva Salute Animale S.p.A. e alle società del gruppo Ceva nell'ambito della tua registrazione alla Feliway Community. Saranno conservati per la durata definita nell'informativa sulla privacy (collegamento ipertestuale) e sono accessibili ai dipendenti Ceva autorizzati ad accedere ai dati nell'ambito delle loro mansioni e ai nostri fornitori di servizi in subappalto. Puoi, in qualsiasi momento, accedere ai tuoi dati personali, annullare l'iscrizione utilizzando il link di annullamento dell'iscrizione nelle e-mail, richiederne la retifica o la cancellazione, esercitare il tuo diritio di limitare o opporti al tratiamento dei tuoi dati personali e il diritio alla portabilità dei dati. Per esercitare tali diriti o per qualsiasi richiesta relativa ai tuoi dati personali, puoi inviare una e-mail all'indirizzo privacycompliance@ceva.com o tramite il form (hyperlink Privacy Policy - Ceva). Se ritieni, dopo averci contatiato, che i tuoi diriti alla protezione dei dati non siano rispetiati, puoi contatiare l'autorità competente (GDPR) Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy * Facendo clic su invia qui sotio, acconsenti a consentirci di archiviare ed elaborare le informazioni personali inviate sopra per unirti alla comunità feliway.